Al Fair Play arriva l'Este: non c'è Pellizzer ma c'è voglia di riscatto - SSD Cartigliano
1514
post-template-default,single,single-post,postid-1514,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Al Fair Play arriva l’Este: non c’è Pellizzer ma c’è voglia di riscatto

Al Fair Play arriva l’Este: non c’è Pellizzer ma c’è voglia di riscatto

È partito il conto alla rovescia in casa Cartigliano: mancano ufficialmente 4 punti alla quota salvezza e oggi pomeriggio contro l’Este si potrebbe staccare un biglietto “virtuale” per assicurarsi la permanenza in Serie D. La gara contro i giallorossi è ricca di insidie per i ragazzi allenati da Alessandro Ferronato, che dovranno fare a meno di Alex Pellizzer e di Nandor Benucci, con Appiah acciaccato.

L’Este è reduce dal pesante ko 3-0 rimediato sette giorni fa col Legnago mentre il Cartigliano ha vinto e convinto 2-0 in trasferta sul campo del Delta Porto Tolle. In classifica le due squadre distano 9 punti l’una dall’altra, con i cartiglianesi che difendono a denti stretti il loro terzo posto. Tuttavia è proprio Ferronato a suggerire di “non guardare la graduatoria” perché il gioco espresso dall’Este avrebbe meritato ben altre fortune.

«Ho visto diverse gare dei padovani e hanno sempre espresso un gioco propositivo – dichiara l’allenatore dei biancazzurri – penso che avrebbero meritato di portarsi a casa qualche punto in più. Sappiamo che sarà dura, che sono una squadra con il giusto mix di esperienza e giovani. Dovremo essere bravi a valorizzare i nostri pregi ed approfittare dei loro difetti, una regola che vale per ogni partita».

Manca poco al traguardo indicato come obiettivo minimo della stagione: la salvezza. Ferronato naviga a vista e pensa solo alla gara di oggi pomeriggio. «Non possiamo permetterci di correre con la fantasia, perché il calcio non è una scienza esatta. La classifica è incredibilmente corta, quindi guardiamo gara per gara e poi vedremo dove saremo capaci di arrivare. Di certo vogliamo restare in alto: si sta bene sul podio, ce la metteremo tutta per rimanerci. Se lo meritano i ragazzi e se lo merita la società, senza contare il nostro pubblico eccezionale».

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.