Giornale di Vicenza: "Cartigliano a mitraglia col nuovo modulo" - SSD Cartigliano
1617
post-template-default,single,single-post,postid-1617,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Giornale di Vicenza: “Cartigliano a mitraglia col nuovo modulo”

Giornale di Vicenza: “Cartigliano a mitraglia col nuovo modulo”

Da “Il Giornale di Vicenza” – Alex Iuliano

Calcio d’agosto, io non ti conosco… Solo che siamo a settembre e gli allenamenti congiunti, usando un’espressione che rispecchia la tendenza italiana a rendere complicate le cose semplici, iniziano a fare testo. Nell’ultima settimana il Cartigliano ha affrontato e vinto due partite insidiose contro Treviso e Eurocalcio. Il prosecco, ci mancherebbe altro, rimane in fresco per occasioni migliori ma il nuovo modulo 3-4-1-2 ideato da Alessandro Ferronato inizia a far intravedere cose davvero interessanti. Con i trevigiani allenati da Enrico Cunico, il Cartigliano ha dato spettacolo in avanti nonostante il match si sia concluso solo 1-0 a favore dei ragazzi di via Lungo Brenta. Marcatore Leonardo Mattioli, che sembra già in forma sia dal punto di vista fisico che d’intesa con Lorenzo Barzon, neoacquisto del Cartigliano schierato come trequartista dietro proprio a Mattioli e Edoardo Di Gennaro. A proposito di “DiGe”, anche lui sta impressionando tutti per tenuta fisica e motivazione dopo il brutto infortunio subito 11 mesi fa che l’ha tenuto a lungo fermo. Dicevamo di Barzon e del feeling con i due attaccanti biancazzurri: l’ex giocatore dell’Arcella ha tutte le carte in regola per trasformarsi da “scommessa” del direttore sportivo Leopoldo Torresin a vero e proprio colpo di mercato.

«Non sento pressione ma solo grande voglia di scendere in campo e dare più del massimo – dichiara Barzon – perché questa società lo merita e questa categoria lo impone. La trattativa che mi ha portato a Cartigliano è durata il tempo di una notte: il giorno prima avevo ricevuto la chiamata del direttore sportivo Torresin, ci ho dormito sopra e il mattino dopo ho dato la mia disponibilità. Quello che si dice di Cartigliano e di questo club è vero: c’è un grande gruppo, c’è una famiglia, c’è un ambiente sereno e ci sono strutture. In campo le cose stanno andando bene: io sono un centrocampista offensivo poliedrico, ho giocato anche come ala o come seconda punta. Adesso il mister mi ha impiegato nel ruolo di trequartista e mi sono sentito a mio agio. Non sarà facile affrontare un campionato così livellato verso l’alto, ma abbiamo fame… e siamo pronti “a mordere”».

Ne sa qualcosa l’Eurocalcio, formazione che milita in Promozione, battuto con un netto 6-0 nel match di sabato al Fair Play. E sì che i big del Cartigliano sono entrati solo ad una manciata di minuti dalla fine, lasciando spazio a chi ha giocato meno durante questo precampionato. In gol sono andati praticamente tutti quelli che dovevano andarci: Bellè, Baggio, Boudraa, Barzon, Minuzzo e Appiah. Bellè ha confermato la sua crescita così come Baggio, dal quale ci si aspetta di più, mentre Barzon ha continuato a stupire giocando più defilato. Boudraa, difensore goleador in questa preseason, ha comandato il reparto arretrato dove Marchesan e Buson hanno dato ampie garanzie. Insomma, se il buongiorno si vede dal mattino allora c’è da avere fiducia nella squadra e nel lavoro di Ferronato. Proprio l’allenatore è il vero “top player” dei biancazzurri e non potrebbe essere altrimenti, guardando i risultati inanellati negli ultimi anni.

«Ferronato è un martello – prosegue Barzon – ma è giusto che sia così, perché solo dando il 110% potremo dire la nostra e raggiungere la salvezza il prima possibile».