9 ANNI INSIEME: INTERVISTA ESCLUSIVA A MISTER FERRONATO - SSD Cartigliano
1941
post-template-default,single,single-post,postid-1941,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

9 ANNI INSIEME: INTERVISTA ESCLUSIVA A MISTER FERRONATO

9 ANNI INSIEME: INTERVISTA ESCLUSIVA A MISTER FERRONATO

Da 9 anni insieme… Cartigliano e Alessandro Ferronato!
Anche la stagione 2022/2023 vedrà mister Ferronato seduto sulla panchina biancazzurra: una conferma che è il primo passo verso il cammino di avvicinamento al prossimo campionato in Serie D.

Abbiamo intervistato in esclusiva Alessandro Ferronato per commentare il suo rinnovo e parlare di futuro…

Mister, perchè Cartigliano ancora… dopo nove anni?
La risposta giusta è… una domanda: “PERCHÈ NO?”. Perchè non avrei dovuto accettare? Io sto benissimo a Cartigliano, la società ha voluto che il nostro rapporto continuasse… quindi perchè avrei dovuto fare una scelta diversa?
Qui a Cartigliano c’è tutto quello che un allenatore può desiderare: una società seria, un gruppo di lavoro affiatato, uno spogliatoio unito, un ambiente che ti permette di lavorare senza pressioni e con la possibilità di sperimentare e portare avanti un’idea precisa.

Quindi, a chi dice che c’è il rischio di “perdere le motivazioni” dopo tanti anni… cosa rispondiamo?
Semplicemente che non è il mio caso, non è il caso della società, non è il caso del gruppo di giocatori. Ogni anno il Cartigliano si rinnova: arrivano calciatori nuovi, si lavora su spunti tattici diversi, si cerca di fissare l’asticella sempre un pò più in alto… Non si vive di rendita, non guardiamo al passato ma al futuro.

La rosa verrà rinnovata anche quest’anno? In che misura?
È presto per parlare di calciomercato, per rispetto dei miei giocatori e perchè il campionato non è ancora finito. Logicamente io e la società abbiamo le idee chiare: ci sarà un rinnovamento, speriamo di poter dire un rafforzamento. Qualche giocatore non verrà confermato, qualcuno altro magari riceverà offerte allettanti da club blasonati… Di certo io e il direttore sportivo Leopoldo Torresin faremo di tutto per rendere questo Cartigliano ancora più competitivo.

C’è un reparto che verrà potenziato più degli altri?
Guardando i numeri verrebbe da dire l’attacco. Ma in realtà il nostro reparto offensivo è molto valido. In stagione abbiamo avuto tanti infortuni concentrati soprattutto lì… In realtà agiremo in tutti i reparti, ma la priorità saranno i rinnovi e le riconferme. I miei ragazzi meritano rispetto, se lo sono conquistato sul campo!

Come pensa che sarà il prossimo campionato?
Una cosa è certa: sarà più difficile. Questo posso dirlo già adesso, anche senza conoscere le partecipanti e i gironi. Il motivo è molto semplice: l’anno prossimo saliranno in Serie D squadre che quest’anno hanno disputato e vinto un campionato vero… non un “mini-campionato” come quello dell’anno scorso.

Come dovrà dunque “prepararsi” il Cartigliano a queste nuove difficoltà?
Con il gioco, con il fisico, con il cuore, con l’esperienza. Dobbiamo fare tesoro di quello che abbiamo imparato in questi quattro anni di Serie D…