Benvenuto a Cartigliano, Nicolas Pozzato! - SSD Cartigliano
1087
post-template-default,single,single-post,postid-1087,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Benvenuto a Cartigliano, Nicolas Pozzato!

Benvenuto a Cartigliano, Nicolas Pozzato!

Welcome to Cartigliano, Nicolas Pozzato!

Benvenuto Nicolas, cosa ti aspetti da questa esperienza col Cartigliano e per quale motivo hai deciso di venire qui?
Di sicuro sarà un’esperienza bellissima per me, molto importante e positiva, sia dal punto di vista calcistico che di crescita personale. Del gruppo conosco soprattutto i giovani e con il mio collega di reparto, Morgan Pellanda, siamo grandi amici. Ho avuto modo di parlare con il mister Ferronato e anche con il DS Torresin: mi sono sembrate delle persone che lavorano seriamente, che finché c’è da scherzare scherzano, ma quando c’è da lavorare ci danno dentro. Mi hanno fatto un’ottima impressione. Mi impegnerò per dare il massimo per raggiungere gli obiettivi che fisseremo ad inizio anno. Mi aspetto di passare una bella stagione, positiva e serena.

Presentati ai tifosi: che giocatore sei e cosa porterai a Cartigliano?
Di sicuro sono un giocatore che non molla mai, che da sempre il massimo e che se sbaglia non si scoraggia, ma va sempre avanti. Posso assicurare che da parte mia non mancherà mai l’impegno e la voglia di far bene.

Qual è la partita che ricordi con più affetto e per quale motivo?
La partita che ricordo in particolare è l’anno in cui ho fatto la Berretti a Bassano ed abbiamo giocato contro l’Atalanta: abbiamo vinto 1-0 ed è stata una grande partita, in cui abbiamo dato tutto ed eravamo uniti in campo. Per me questa è stata una delle partite più belle, sia a livello di gioco che a livello di squadra.

Una parata, invece, che ricordi con particolare affetto?
La mia prima parata in assoluto. La ricordo ancora perché avevano fatto un video e quella cassetta l’ho guardata mille volte!!! Io da piccolo ho iniziato in attacco, intorno ai 4 anni, poi a metà stagione mi hanno messo in porta e quella mia prima partita da portiere l’hanno ripresa, quindi l’ho riguardata non so quante volte!

Com’è nata la tua passione per il calcio? Qualcuno in famiglia te l’ha trasmessa?
Io vengo da una famiglia di portieri: mio nonno era portiere, mio papà era portiere, mio fratello era portiere e quindi ce l’avevo nel DNA!

Hai un giocatore a cui ti ispiri o che ritieni un modello?
Il mio portiere preferito è Marc ter Stegen, il portiere del Barcellona. Secondo me ha uno stile che è paragonabile al mio: guardo spesso suoi video e lo ritengo una figura dalla quale prendere spunto. È un ottimo giocatore.

Dove ti vedi fra 10 anni?
Spero ancora in campo.

In bocca al lupo Nicolas e benvenuto a Cartigliano!