Campioni! I giovani del Cartigliano vincono l'Istria Cup in Croazia - SSD Cartigliano
997
post-template-default,single,single-post,postid-997,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Campioni! I giovani del Cartigliano vincono l’Istria Cup in Croazia

Campioni! I giovani del Cartigliano vincono l’Istria Cup in Croazia

Dalla Croazia fino a Cartigliano si sente un solo grido: «Prvaci!» che, per chi non avesse familiarità con la lingua balcanica, significa «Campioni!». Lo sono, infatti, gli Allievi della società biancazzurra allenati da Elio Leali che, in uno stadio gremito di gente, hanno vinto la finale della Istria Cup 2019 a Pola (Croazia).

Il torneo, organizzato da Adidas – KOMM MIT international, ha visto la partecipazione di decine di squadre giovanili provenienti da diversi Paesi europei che si sono ritrovati assieme per trascorrere quattro giorni a base di sport, divertimento e fair play. La spedizione biancazzurra ha visto partire ben due pullman carichi di ragazzini, genitori, volontari e staff che hanno tenuto alto il buon nome dell’Italia.

«È il venticinquesimo anno che il Cartigliano partecipa a questa manifestazione – racconta Valter Borso, responsabile del Settore giovanile di via Lungo Brenta – ma ogni volta si tratta di un’emozione diversa e incancellabile. Abbiamo girato l’Europa: dalla Spagna alla Germania, passando per i Paesi Bassi e tante altre nazioni. Per i nostri ragazzi si tratta di una tappa importante nel loro percorso di crescita, perché visitano posti nuovi e si confrontano con altre realtà, a volte molto diverse dalla nostra».

Quest’anno il viaggio è stato, se possibile, ancora più indimenticabile perché è arrivata la vittoria degli Allievi, in una finale contro i tedeschi dello Jsg Erft.

«Sin da quando sono stati intonati gli inni nazionali, a tutti noi sono venuti i brividi – racconta Ivan Pozza, coordinatore dei giovani biancazzurri – proprio come quando si vedono in televisione i match fra Italia e Germania. Al triplice fischio della partita, vinta col punteggio di 2-1, ci siamo abbracciati tutti… e non eravamo pochi. Siamo partiti con 57 giocatori, ovvero due squadre di Pulcini, una di Esordienti, una di Giovanissimi e una di Allievi. Questi ultimi sono stati i più difficili da “assemblare”, perché durante la stagione sono stati falcidiati da infortuni e problemi. Eppure, alla fine, siamo riusciti a metterne insieme dodici: chi l’avrebbe mai detto che proprio loro l’avrebbero spuntata su ben 36 squadre avversarie. È stato bellissimo vedere come tutti gli italiani presenti a Pola e negli altri stadi facessero il tifo per noi, unendosi ai nostri Pulcini che non hanno mai smesso di cantare e incitare i ragazzi più grandi».

Suoni, sensazioni, brividi e gioie che solo lo sport sa regalare e che solo chi ama lo sport sa portare nel cuore.