Cartigliano - Levico Terme - SSD Cartigliano
313
post-template-default,single,single-post,postid-313,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Cartigliano – Levico Terme

Cartigliano – Levico Terme

«Pronti, partenza, via». Tre parole che, prese singolarmente, riassumono perfettamente la situazione in casa Cartigliano. I primi dieci giorni di allenamento non bastano di certo per considerarsi pronti fisicamente ma, come afferma il capitano Alessandro Miotti, «la squadra può già definirsi quasi del tutto pronta a livello mentale». Per quanto riguarda la partenza, ieri tutto il gruppo è arrivato a Roncegno dove rimarrà in ritiro per una settimana. Il «via», invece, è legato all’imminente match amichevole che vedrà i ragazzi di Alessandro Ferronato affrontare oggi alle ore 16.30 il Levico, squadra di spessore e habitué della Serie D. «Ho avuto buone indicazioni dalla nostra prima sgambata contro il Favaro Veneto (vinta 5-0 con gol di Visinoni, Pellizzer, Di Gennaro, Nonni e Michelon) – dichiara l’allenatore dei vicentini Alessandro Ferronato – ma contro il Levico sarà tutta un’altra storia. Loro sono una squadra più rodata, con qualche giorno di preparazione in più nelle gambe. Non temo né le difficoltà né la fatica, perché è proprio quando il gioco si fa duro che si vede la reale forza di un gruppo. Mi aspetto delle risposte importanti per capire meglio il nostro stato di crescita ed eventualmente le lacune ancora da colmare».

LA SQUADRA: Detto della vittoria nell’amichevole di giovedì pomeriggio, con l’intero tridente d’attacco titolare andato a segno, il Cartigliano prosegue la sua preparazione in perfetta sincronia con la tabella di marcia. Punti fermi del 4-2-3-1 di base sono il terminale offensivo Edoardo Di Gennaro, affiancato dai due attaccanti esterni che ha portato in dote il calciomercato: Salif Nonni e Nicolò Visinoni. Unica nota dolente l’infermeria, che inizia già ad avere il primo sfortunato ospite. Si tratta del giovane Enrico Marchese, lussatosi alla spalla, che dovrà restare fermo per quasi un mese. «Non abbiamo ancora iniziato i carichi pesanti – conclude Alessandro Miotti – ma stiamo dando tutti il meglio di noi stessi. I nuovi si sono integrati benissimo, quindi adesso la parola passa al campo. Quello che mi ha impressionato finora è la reattività dei ragazzi più giovani, che si stanno rivelando una vera e propria sorpresa». E la sorpresa riguarderà anche l’undici titolare che esordirà contro il Levico: l’assenza forzata di Marchese ha infatti complicato i piani di Ferronato.

GLI AVVERSARI: Reduce da un buon campionato in Serie D, dove ha stabilmente stazionato a metà classifica, il Levico si presenta in una veste rinnovata e ringiovanita. Il primo cambiamento rispetto alla scorsa stagione riguarda la panchina che è stata affidata ad Andrea Vitali, ex allenatore delle giovanili del Verona. Fin dal primo giorno di ritiro, iniziato addirittura il 18 luglio, anche i gialloblù hanno portato avanti un’idea di gioco basata sul 4-2-3-1 dando spazio e minuti ai nuovi acquisti. Su tutti il trequartista Alessandro Masia, gli attaccanti Francesco Cariello e Giacomo Romano e l’esterno Roberto Esposito. «Stiamo crescendo – dichiara il ds Claudio Ferrarese – e dopo i due pareggi nelle amichevoli con il Mantova e la Primavere della Roma, vogliamo vincere. La gara con il Cartigliano sarà un test importante sia per noi che per loro».