Il Presidente Compostella e il Vicepresidente Panni - SSD Cartigliano
300
post-template-default,single,single-post,postid-300,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Il Presidente Compostella e il Vicepresidente Panni

Il Presidente Compostella e il Vicepresidente Panni

Tutti gli addetti ai lavori concordano su un fatto: in Serie D i giovani sono importanti, ma la differenza la fa l’esperienza. Prendendo per buono questo «mantra calcistico», a Cartigliano hanno fatto spallucce davanti a chi ravvisa troppa inesperienza nella squadra di Alessandro Ferronato. Infatti, se è vero che biancazzurri hanno una rosa con soli due over 30, è altrettanto giusto tener conto della grande esperienza che i vicentini possono attingere dalle proprie risorse fuori dal campo. Ogni riferimento al duo presidenziale formato da Augusto Compostella e Giovanni Panni non è affatto casuale. Lo storico patron del Cartigliano ha da poco festeggiato i 70 anni, cinquanta dei quali trascorsi proprio in viale Lungo Brenta. «Sono presidente del Cartigliano da sette anni – racconta Augusto Compostella – ma vivo il mondo del calcio cartiglianese da mezzo secolo. Sono partito molto giovane, come portiere. Poi nel 1968 ebbi un incidente, così smisi di giocare e inizia ad allenare i bambini. In realtà facevo tutto quello che serviva: segnavo il campo, tagliavo l’erba ed aiutavo in biglietteria. Ho avuto una vita dedicata totalmente al Cartigliano, praticamente vivo allo stadio e seguo tutte le partite». Un amore viscerale e corrisposto da tutto il paese, che non fa mancare mai il proprio supporto al «presidentissimo». «In effetti posso dire di conoscere tutti i ragazzi di Cartigliano. Li ho visti crescere e quando mi incontrano scatta sempre il coro “Un Presidente, c’è solo un Presidente…”. Ancora oggi mia moglie mi rimprovera perchè metto da parte la mia famiglia, però nel mio animo e nel mio cuore c’è il Cartigliano e basta». Ma al timone del club non c’è solo Augusto Compostella. Per l’avventura in Serie D i biancazzurri hanno messo a segno un vero e proprio colpo di mercato (dirigenziale). Sulle rive del Brenta è infatti sbarcato un personaggio simbolo del calcio locale: Giovanni Panni. Un presidente in seconda che ha scritto pagine indimenticabili con l’Eurotezze e che ha lasciato ricordi indelebili nel Vicentino. Proprio sul passato da vincente e sul presente ricco di motivazioni, i dirigenti del Cartigliano fanno affidamento per costruire un futuro ambizioso. «A Natale, dopo che alcuni dirigenti mi avevano chiesto di portare un po’ della mia esperienza in società, ho fatto una promessa a tutta la squadra: “Se andrete in Serie D, io sarò dei vostri”. Ed eccomi qui».