Intervista "insolita" a Stefano Michelon che ci svela il suo "Dream Team" - SSD Cartigliano
1178
post-template-default,single,single-post,postid-1178,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Intervista “insolita” a Stefano Michelon che ci svela il suo “Dream Team”

Intervista “insolita” a Stefano Michelon che ci svela il suo “Dream Team”

Presentati ai tifosi: chi è Stefano Michelon?
Sono un esterno di centrocampo, amo mettermi a disposizione del gruppo. Sono umile, mi piace essere utile ai miei compagni di squadra. In spogliatoio, essendo molto giovane (ho diciotto anni) sono un po’ timido.

Se dovessi scegliere a quale dei tuoi compagni far tirare un rigore decisivo, che nome mi fai?
Devo proprio dirlo? (ride). Dico Edoardo Di Gennaro.

Immagina di iscriverti ad un torneo di calcetto che vuoi vincere a tutti i costi: la tua squadra ideale?
Io, Pellizzer, Murataj, Pellanda, Mattioli.

C’è un calciatore nel quale ti rivedi o al quale ti piacerebbe assomigliare?
Il mio preferito è Marchisio, per come è dentro ma anche fuori dal campo.

Prima di una partita importante sei uno che cerca il silenzio e la concentrazione oppure preferisci tenerti occupato chiacchierando o ascoltando un po’ di musica?
Beh, inutile dire che c’è sempre un po’ di ansia. Di solito ascolto musica, ma solo per rilassarmi, non è un rituale. Quello che invece faccio per scaramanzia, è ripetere sempre lo stesso ordine nel prepararmi: prima il parastinchi destro e poi il sinistro, prima il calzino destro e poi quello sinistro ed infine la scarpa destra e poi quella sinistra.