Mondo Cartigliano: intervista con Alex Pellizzer - SSD Cartigliano
1123
post-template-default,single,single-post,postid-1123,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Mondo Cartigliano: intervista con Alex Pellizzer

Mondo Cartigliano: intervista con Alex Pellizzer

“Mondo Cartigliano” è uno spazio di approfondimento sulla nostra squadra e sui protagonisti del Cartigliano: dalla Prima Squadra alle giovanili. Oggi facciamo quattro chiacchiere con Alex Pellizzer, talentuoso difensore su cui mister Alessandro Ferronato punta tanto per la nuova stagione in Serie D.

Ciao Alex, come hai trascorso queste settimane di transizione tra una stagione e l’altra?
Penso un po’ come tutti, impegnato tra i vari tornei estivi e l’allenamento in autonomia, in vista della prossima stagione, a cui bisogna arrivare sicuramente già pronti. Adesso abbiamo iniziato la preparazione e siamo molto carichi.

Si dice che è importante imparare dai propri errori: quali sono quelli fatti nella scorsa stagione, a tuo avviso, da non ripetere nella prossima?
Sicuramente avremo un pizzico in più di esperienza, che ci permetterà di gestire di più il risultato quando siamo in vantaggio. Nella scorsa stagione riuscivamo a segnare, ma poi ci facevamo raggiungere subito. Quindi quello che dobbiamo fare quest’anno, imparando dai nostri errori, è difendere di più il risultato.

Quali sono le aspettative e le ambizioni per la prossima stagione?
Innanzitutto l’obiettivo è quello di fare gruppo subito, già dalla preparazione. Poi di arrivare più in alto dello scorso anno o comunque di raggiungere una salvezza più tranquilla. A livello personale, voglio ripetere la stagione dello scorso anno: magari non riuscirò a fare le stesse presenze, ma voglio dare il mio contributo e magari fare qualche gol in più.

La rosa è grossomodo lo stessa dello scorso anno con qualche new entry. Che gruppo sarete? Compatto, coeso…?
Il Cartigliano è sempre stata una società in cui chiunque arriva si integra senza nessun problema, grazie anche ai più vecchi. È un gruppo bello compatto, ma che si apre a chiunque.

Tu sei una figura importante nella famiglia biancazzurra: che consiglio o augurio ti senti di fare agli altri giocatori, in particolare ai più giovani?
Ai più giovani direi di non avere paura dei più vecchi, saremo per loro dei fratelli maggiori!